Ladyvette al teatro della Cometa fino al 18 febbraio | Post.it
Eventi musica teatro mostre cinema mobilitazioni a Roma

Tutti quanti vogliono fare swing…ma loro lo fanno meglio

Ladyvette al teatro della Cometa fino al 18 febbraio

l

Macché Sanremo è Sanremo! Ieri sera al teatro della Cometa ci siamo divertiti con  con il loro spettacolo Le Dive dello Swing, per la regia di Massimiliano Vado e con la supervisione artistica di Lillo Petrolo, che, per l’occasione, è stato il guest artist della serata.

E se nella Parigi degli anni Trenta gli “ Aristogatti” di Walt Disney cantano tutti quanti vogliono fare jazz, fino al 18 febbraio a Roma tutti quanti vogliono fare swing.

Accompagnate dal pianista e compositore Roberto Gori, Teresa Federico, Valentina Ruggeri e Francesca Nerozzi, cantano, recitano e ballano per oltre un’ora e mezza senza mai scendere dal palco, neanche per i numerosi cambi d’abito.

Teresa Federico è Sugar, la rossa, sofisticata e sensuale, Valentina Ruggeri è Pepper, quella intelligente perché “le more sono quelle più intelligenti” e Francesca Nerozzi è Honey, che “non è come le altre, perché lei è bionda”.

La ricetta del loro successo la trovate sul loro sito.

Ingredienti: Sugar 1, Pepper 1, Honey 1, charme 300 g, look vintage 280 g , ironia 1 kg , glamour in abbondanza , autoironia come se piovesse , sfacciataggine qb , buonumore 4 dita ,musica a bizzeffe. Poi dovete mescolare il look delle dive d’altri tempi con le dosi richieste di ironia e autoironia spiazzante, lasciar riposare per circa 20 minuti, aggiungere tre voci armonizzate e un bel po’ di glamour, spolverare con un po’ di swing, jazz e pop.

Lo spettacolo, che inizia in un freddo appartamento della Torino anni Trenta, messo a loro disposizione da un improbabile impresario che le “mantiene nel frigidaire per non farle andare a male”, si snoda tra situazioni surreali, incontri spiacevoli, ma visti con gli occhi dell’ironia e della comicità, e colpi di scena. Tutto legato da un inconfondibile fil rouge: lo swing. E poco importa che sia l’Inno d’Italia, le canzoni di Max Pezzali, di Masini o del Trio Lescano, basta swingare.

Come sono passate Ladyvette da “Cantando per le stalle” alla fama internazionale?

Ce lo dicono loro: “Io l’ho sudata…..Io l’ho meritata….Io l’ho data!”

Alessia de Antoniis