Eventi musica teatro mostre cinema mobilitazioni a Roma

Tra vero e virtuale. L’Ara Pacis “prende vita” e torna ad essere come ai tempi della pax romana

Un’immersione sensoriale nella storia, nelle credenze, negli ideali e nelle ambizioni di un’intera epoca, quella della pace augustea, riprodotta in modo sorprendente all’Ara Pacis.

publicpreview

Storia e tecnologia si incontrano per una visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis. L’ARA COM’ERA è il primo intervento sistematico di valorizzazione in realtà aumentata e virtuale, nello specifico di uno dei più importanti capolavori dell’arte romana, costruito tra il 13 e il 9 a.C. per celebrare la Pace instaurata da Augusto sui territori dell’impero.
Come funziona: lo spettatore indossa dei particolare visori, gli AR e la fotocamera dei device in essi inserita, farà in modo che gli elementi virtuali si mescoleranno a quelli reali, cioè direttamente nel campo visivo del pubblico, che può cosi immergersi nel senso di magia dell’intera esperienza, anche perché costretto a svolgere una serie di gesti e azioni che vedranno impegnati ancora di più tutti i canali percettivi.

publicpreview2

Si può entrare, o meglio curiosare, in questo modo nelle scene di vita quotidiane della Roma del 9 a.c e improvvisamente, la scena si popola di personaggi intenti a celebrare sacrifici, che parlano e si raccontano in prima persona, o addirittura i calchi raffiguranti i membri della famiglia imperiale, permettono di esporre i meccanismi di potere e gli intrighi che hanno consentito alla dinastia giulio-claudia di reggere a lungo le sorti di Roma.

Osservando il plastico ricostruttivo dell’Ara Pacis sarà inoltre possibile assistere al rito sacro, raccontato nel dettaglio sulla base di diverse fonti letterarie e delle rappresentazioni nella scultura antica. Secondo la tradizione dell’epoca, infatti, le interiora della vittima immolata, dopo essere state lette e interpretate, erano offerte alla divinità. Il plastico del monumento consentirà di mostrare, le trasformazioni e i danni che l’altare ha subito nel corso dei secoli, dalla sua costruzione fino alla sua totale scomparsa sotto spessi strati di terreno su cui furono costruiti gli edifici della Roma medievale e rinascimentale. E ancora, attraverso restituzione dei colori ai marmi, prenderanno vita scene come il sacrificio di Enea, la nascita di Romolo e Remo, la dea Tellus, portatrice di prosperità, e la dea Roma, seduta sulle armi dei vinti, che illustrano al meglio le origini di Roma e della famiglia di Augusto.

publicpreview3

Il percorso, suddiviso in 9 punti di interesse (POI), inizierà davanti al plastico del Campo Marzio Settentrionale, per posi passare al plastico ricostruttivo dell’Ara Pacis, i calchi raffiguranti i membri della famiglia imperiale e infine i dettagli dell’Ara Pacis che concludo la passeggiata nell’antica Urbe.

publicpreview

L’Ara com’era

Biglietti da 10 a 12 euro   
antica  Art  Centro Storico  pittura  scultura
a
lunedì
30
ottobre
da
venerdì
14
ottobre