Connect with us

Tra competizione e priorità dell’esistenza. Al Cometa Off la necessità di essere primi.

Theatre&dance

Tra competizione e priorità dell’esistenza. Al Cometa Off la necessità di essere primi.

di Claudio Riccardi

Primi, primi, bisogna arrivare per primi! A ogni costo, anche con manovre furbesche e al limite del lecito, a volte anche oltre. Nella quotidiana battaglia della vita il sistema orienta le persone verso una competizione sfrenata dove spesso si perde il focus. “The First One”, lo spettacolo andato in scena dal 20 al 23 febbraio sul palco del Teatro Cometa Off, suggerisce un messaggio chiaro: le persone che sono costantemente in gara forse non stanno veramente vivendo la loro vita.

La competizione come unica occasione di esistere. Davanti a un nastro, in fila per un qualsiasi appuntamento, 5 persone le provano tutte per scavalcare chi sta davanti. Raffaele La Pegna, che ha anche scritto e diretto lo spettacolo, Francesca Antonucci, Marco Barbato, Lorenzo Girolami, Francesco Sgrò incarnano 5 diversi personaggi e altrettanti differenti modi di gestire l’ansia da prestazione. Arrivare per primi significherebbe risparmiare tempo, avere forse un’occasione migliore, più soldi, forse più potere… ma forse anche nulla di così importante da giustificare attacchi d’ira e manovre disperate. Il tutti contro tutti crea solo caos primitivo.

Si è riso molto, in platea. Perché “The First One” è sviluppato in maniera dinamica, con frequenti colpi di scena accompagnati da musiche e balli. I toni della commedia grottesca amplificano l’assurdità della lettura offerta sul tema. Perché spesso è più importante divertirsi giocando, che impazzire per vincere.

Claudio Riccardi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Theatre&dance

To Top