Connect with us

Spring Attitude, riflettori puntati su elettronica e arte contemporanea. Ospiti dalla Francia gli attesissimi Air

ARTICOLI

Spring Attitude, riflettori puntati su elettronica e arte contemporanea. Ospiti dalla Francia gli attesissimi Air

Tre le sezioni del Festival: Performance, Arts & New Media e Educazione. Tre anche le location: Maxxi, Ex Casema Guido Reni e Spazio 900. Il 21 maggio attesissimo il ritorno del duo francese

Roma si prepara a tornare capitale della musica elettronica con Spring Attitude. Performance (dj set, live concert), Arts & New Media e, novità di quest’anno, Educazione sono le tre sezioni attraverso le quali si articola la nuova edizione. Come sempre, cuore pulsante del festival saranno alcune delle location più suggestive della città: il MAXXI e l’Ex Caserma Guido Reni. Punta di diamante di una line up di altissimo valore artistico che mescola storia e innovazione, grandi nomi e straordinarie scoperte, sono gli AIR: nome storico della scena elettronica mondiale, fra i fondatori di quel french touch che ha segnato in profondità la ricerca degli ultimi anni. Spring Attitude sarà l’occasione per assistere il 21 maggio in anteprima al ritorno live del duo francese assente dai palcoscenici di tutto il mondo dal 2010.

Si parte il 19 maggio dal MAXXI con la serata inaugurale impreziosita dalla performance site specific “Altera LVSS”, video-mapping ad alto impatto spettacolare che illuminerà per la prima volta nella storia del Museo nazionale delle Arti del XXI secolo, le vertiginose geometrie realizzate da Zaha Hadid.  La seconda giornata del Festival sarà caratterizzata dall’attesissima performance di Pantha du Princeche presenterà  il nuovo lavoro in uscita a maggio, a 6 anni di distanza dall’ultimo album. Protagonisti di questa giornata saranno anche il francese Rone; l’austriaco Dorian Concept, in collaborazione con il Forum Austriaco di Cultura, direttamente dalla scuderia Ninja Tune; lo spagnolo Pional, definito da molti il miglior talento nascosto di tutta la scena elettronica  spagnola. Poi ancora DJ Tennis, i cui dj set sono tra i più ascoltati sulle piattaforme digitali; i Lust for Youth, con il loro pop sognante; il cantautorato contemporaneo di Cosmo e Jessy Lanza, che presenterà in anteprima al Festival il seguito del suo album di debutto. A chiudere il programma Clap!Clap!, alias Cristiano Crisci, l’artista elettronico italiano più in ascesa all’estero, chiamato ad esibirsi a Londra ai World Wide Awards di Gilles Peterson.

Il giro del mondo in tre giorni si concluderà sabato 21 maggio. Nel pomeriggio alla Ex Caserma Guido Reni saranno protagonisti: Go Dugonge la sua musica sospesa  tra hip-hop ed elettronica;  gli stilemi house smontati e rimontati da Young Marco,  uno dei regali più belli dell’Olanda alla club culture contemporanea; l’eclettico Krystal Klear, capace di scivolare abilmente tra funk, house, disco, soul ed electro; l’elettronica pulsante con richiami nu-rave degli Anudoe il trip hop psichedelico e ballabile di Lamusa. Il festival poi si sposta nella notte per il rush finale allo Spazio ‘900, dove, oltre agli attesissimi headliner AIR, si esibirà anche uno dei più autorevoli esponenti della musica elettronica contemporanea, Matthew Herbert.

Sul palco si alterneranno poi il sud-coreano Hunee, il berlinese Max Graef b2b Glenn Astro,  e  da Chicago Dj Paypal, con la sua  abilità nel saper combinare disco e ritmiche concitate del footwork, l’hip hop mainstream e un funk stralunato. Last but not least, la pattuglia italiana protagonista della serata finale: Iosonouncane, con il suo album “DIE”; Matilde Davoli padrona di territori sospesi fra folk, elettronica ed echi alla Stereolab; Bienoise, che con il suo album “Meanwhile, Tomorrow”, uscito l’anno scorso, ha dato vita a uno dei dischi di elettronica italiani più visionari e raffinati del momento; il producer Not Waving  ed infine l’house sensuale di Ma Spaventi.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in ARTICOLI

To Top