Connect with us

Sigilli alla moschea di Torpignattara

Kultur

Sigilli alla moschea di Torpignattara

L’Ass. Dhuumcatu denuncia l’abuso di potere da parte del gruppo di Sicurezza Pubblica della Polizia Municipale, per aver chiuso la sala preghiera di via Serbelloni, proprio 5 giorni prima del Ramadan.

La chiusura della sala potrebbe essere interpretata come un atto politico e offensivo, sopratutto per le modalità utilizzate e proprio a ridosso del Ramadan, giornata sacra per la religione musulmana. Gli agenti del comandante della polizia municipale Di Maggio chiudono la Moschea di via Serbelloni, luogo di preghiera aperto 24 ore su 24 nel cuore del quartiere Torpignattara, per presunte irregolarità amministrative, pur essendo il luogo regolarmente affittato e provo di canoni non pagati.

Il locale seminterrato era già stato chiuso una decina di giorni fa ed ora la stessa sorte,  tocca alla sala di preghiera sovrastante.
Dal  verbale si evince come, la presenza di una struttura funzionale al culto, come il Minbar – il pulpito dal quale i fedeli ascoltano l’Imam – sia stata scambiata per un palcoscenico e ciò fa scattare subito l’accusa di attività teatrale non autorizzata e relativa mancanza di autorizzazioni al ‘pubblico spettacolo’ ..
Dunque per la squadra del comandante Di Maggio i fedeli di una sala preghiera per pregare devono essere muniti di un permesso per svolgere attività teatrale .. si aggiungere un nome alla lista dei luoghi chiusi per qualche cavillo burocratico mancante.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Kultur

To Top