Connect with us

Par tibi, Roma, nihil. Sincretismo tra arte contemporanea e archeologia allo Stadio Palatino

Artshow

Par tibi, Roma, nihil. Sincretismo tra arte contemporanea e archeologia allo Stadio Palatino

Opere e performance di 25 artisti che accettano il confronto con l’antico. All’interno di un’area che riapre al pubblico dopo lungo tempo (Domus Severiana, Stadio Palatino peristilio inferiore Domus Augustana), le opere della collezione Nomas Foundation dialogano con l’identità di Roma, in bilico tra la suggestione dell’antico e le contraddizioni socio-politiche generate dalla trasmissione e mutazione della sua immagine.

La mostra Par tibi, Roma, nihil, presenta opere e performance di 25 artisti che accettano il confronto con l’antico. All’interno di un’area che riapre al pubblico dopo lungo tempo (Domus Severiana, Stadio Palatino peristilio inferiore Domus Augustana), le opere della collezione Nomas Foundation dialogano con l’identità di Roma, in bilico tra la suggestione dell’antico e le contraddizioni socio-politiche generate dalla trasmissione e mutazione della sua immagine.

Gli artisti: Giorgio Andreotta Calò, Meris Angioletti, Francesco Arena, Kader Attia, Elisabetta Benassi, Daniel Buren, Loris Cecchini, Zhen Chen, Isabelle Cornaro, Michael Dean, Tomaso De Luca, Giulio Delvé, Maria Adele Del Vecchio, Gabriele De Santis, Flavio Favelli, Piero Golia, Petrit Halilaj, David Horvitz, Kapwani Kiwanga, Jannis Kounellis, Marko Lulić, Emiliano Maggi, Masbedo, Rosalind Nashashibi, Alessandro Piangiamore, Gianni Politi, Valerio Rocco Orlando, Michal Rovner, Marinella Senatore, Sissi, Pascale Marthine Tayou, Adrian Tranquilli, Guido van der Werve, Nico Vascellari, Tris Vonna Michell, Sislej Xhafa.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Artshow

To Top