Connect with us

Utopie rivoluzionarie, a Communia il festival della rivista “Letteralia”. Tantissimi gli ospiti

ARTICOLI

Utopie rivoluzionarie, a Communia il festival della rivista “Letteralia”. Tantissimi gli ospiti

Ospiti Wu Ming 1, Wu Ming2, Goffredo Fofi, Christian Raimo, Paolo Berdini, Alberto Prunetti, Simone Pieranni, Giuliano Santoro e Giacomo Russo Spena.

Questo fine settimana negli spazi di Communia  torna Letteraria, il festival di letteratura sociale giunto ormai alla sua quinta edizione romana. Quest’anno il programma del Festival che prende il nome dalla rivista fondata da Stefano Tassinari, raccoglie il tema monografico dell’ultimo numero interamente dedicato a utopie e distopie. “Se la realtà che vogliono imporci, e ancor più le narrazioni che l’accompagnano, – spiegano gli organizzatori – mostra infatti sempre più chiaramente il proprio volto distopico, per opporsi è necessario tornare a parlare di utopia. Se l’etichetta di “utopico” è il modo più veloce con cui nella vulgata dominante viene bollato qualsiasi tentativo di trasformazione della realtà, per noi parlare di utopia, immaginarla, progettarla e praticarla, è l’unico vero modo per opporsi allo stato di cose presente, iniziando a svelarne proprio il carattere distopico”.

Nella tre giorni si alterneranno tra gli altri autori come Wu Ming 1, Wu Ming2, Goffredo Fofi, Christian Raimo, Paolo Berdini, Alberto Prunetti, Simone Pieranni, Giuliano Santoro e Giacomo Russo Spena. Opponendo alla distopia dell’alta velocità il diritto al paesaggio, alla distopica campagna elettorale per le amministrative l’esperienza della sindaca di Barcellona Ada Colau, alla ricerca di inesistenti “Molenbeek italiane” un modo meticcio di pensare le nostre periferie. Ma si parlerà anche di utopie rivoluzionarie come quella della guerra di Spagna di cui si celebrano gli ottant’anni, e di regimi distopici come quello di al-Sisi in Egitto protagonista dell’atroce tortura e assassinio di Giulio Regeni. Il tutto condito da utopie letterarie, come quelle della collana Quinto Tipo diretta per Alegre da Wu Ming 1.

Il venerdì 10 la letteratura sarà anche musica, con il concerto del Wu Ming contingent.  Il festival anche quest’anno è dedicato alla memoria di Stefano Tassinari. “Nella convinzione di proseguire, seppur parzialmente, l’utopia del suo lavoro cultuale”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in ARTICOLI

To Top