Connect with us

L’EDIPO RE di Chiara Guidi al Palazzo delle Esposizioni

ARTICOLI

L’EDIPO RE di Chiara Guidi al Palazzo delle Esposizioni

di Diana Morea

“Voglio indagare sulla parola” chiede Edipo, e proprio sulla parola e sul suono della voce si concentra la tragedia sofoclea che verrà rappresentata sabato 13 aprile al Palazzo delle Esposizioni.

In scena quattro attrici, Angela Burico, Chiara Guidi, Anna Laura Penna, Chiara Savoia saranno affiancate da un coro poetico composto da settanta cittadini, produzione Societas. La locutio diventa immagine verbale e musicale, un corpo sottile fatto di aria. Solo con la voce Edipo scopre la verità del proprio destino: l’essere figlio immaginario di suo padre. Come ha più volte affermato la stessa Chiara Guidi, “è l’ascolto che ci permette di porre una figura sul palcoscenico. E’l’ascolto che ci permette di sentire che quella figura che si dona agli occhi ha una voce che prescinde dagli occhi e che si impianta nelle orecchie. E`l’ascolto che ci permette di vedere tre volte di più, quattro volte di più, di rivedere la stessa figura. L’ascolto non annulla l’immagine ma la fa vedere di più’.
Un lavoro prezioso che si inserisce in un evento singolare dal titolo “Il corpo della parola”, mostra visitabile al Palazzo delle Esposizioni dal 9 aprile al 30 giugno a cura di Anna Castelli Guidi e Francesca Rachele Oppedisano con i contribuiti scientifici di Franco Fussi, Graziano G. Tisato. Il progetto espositivo intende ripercorrere quegli avvenimenti che, sulla scia delle avanguardie artistiche del Novecento, hanno infranto il legame indissolubile tra il significato della parola e la sua dimensione sonora, attraverso la scelta di alcune opere di tre straordinarie figure iconiche: Demetrio Stratos, Carmelo Bene, Cathy Berberian. Foto, video, materiali di repertorio, partiture originali, corrispondenze, documenti esposti per la prima volta al pubblico oltre a exhibit interattivi, aree di ascolto a apparecchiature elettroniche utilizzate dagli artisti al fine di esplorare i limiti delle proprie possibilità vocali.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in ARTICOLI

To Top