Connect with us

Eat Up. Cibo territori e conflitto. Al Csoa Ex Snia si mangia si beve e si balla

ARTICOLI

Eat Up. Cibo territori e conflitto. Al Csoa Ex Snia si mangia si beve e si balla

16 stand da tutto il mondo e 8 birrifici artigianali. Laboratori e tanta musica

Tre giorni di cibo popolare da strada, che si mangia con le mani e racconta il conflitto dei territori contro il capitale. Tre giorni di degustazione di birra artigianale con otto birrifici per otto tipologie di birra.  Tre giorni di musica, cinema, fotografia, dibattiti, laboratori. Dai Falafel palestinesi al Kebab kurdo, dallo zighinì eritreo agli anticuchos peruviani e ancora l’asado argentino e la cucina di strada tipica della nostra terra.

Si mangia, ci si ubriaca e si balla. Tante le band che si alterneranno sul palco di eat up! Il 24 giugno, ad aprire il festival, i Meganoidi con 15 anni di storia in unico live. Ad aprire le danze gli Eutraska Jazz. e a seguire ì RoTAS: nota crew romana di selezionatori e digei militanti, impegnati nella diffusione del trash ribelle. Il 25 giugno sul palco di eat up la Med Free Orchestra con il nuovo album “Tonnosubito”, un ensemble caleidoscopico composto da dodici musicisti provenienti da varie aree del sud del mondo.

Per il terzo e ultimo giorno (dalle 19 alle 24) gli spazi del csoa eXsnia saranno invasi dalle vibrazioni resistenti del Realrock Hi-Fi Sound Systemun Impianto autocostruito per la diffusione delle frequenze Roots & Dubwise che insieme alla collaborazione con I Neurologici , crea un Live Dub Mix dove vengono mixate dal vivo le produzioni dello storico gruppo Dub romano. Ad accompagnare l’intera serata anche i Sunweed Sound Systemche da Napoli ci riportano al reggae vero, puro, privo di contraddizioni, che rifiuta il reggae business, contro ogni forma di razzismo, fascismo e sessismo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in ARTICOLI

To Top